<sp

Dal sito "censurati.it"

Ciancimino, il servo di Riina, parla ancora (ma non sta zitto mai?)

11:06 pm
 

Prima il bordello sul famoso papello arrivato in fotocopia a importanti redazioni. E’ stato detto di tutto, hanno parlato di tutto, senza dire niente. Aspettavamo chiarimenti nel momento in cui è stato depositato il papello originale, ma tutto tacque. Come se non fosse successo nulla. Che sia un falso l’hanno detto in tanti, abbiamo azzardato a confrontare la calligrafia, ed anche un bambino capirebbe che tra memoriale e papello ci sono due mani differenti. Poi è arrivato il video pizzino. Prima Riina chiede (le richieste dei mafiosi si sa, non sono richieste, ma ordini) di ascoltare Massimo Ciancimino, poi tutti obbedienti, si va ad ascoltare questo omuncolo, che si contraddice ogni due dichiarazioni fatte.

 

 

E stasera finalmente, durante il tg 5, per la prima volta a memoria d’uomo, le dichiarazioni di massimo ciancimino vengono prese molto con le pinze, e in redazione hanno chiesto anche una replica allo stesso capitano ultimo, di solito che ha inviato una lettera. La riportiamo integralmente. Chi segue il sito censurati.it e chi segue questo blog, presto avrà delle sorprese. Buona lettura ora con la lettera di Ultimo.

Le ultime dichiarazioni di Ciancimino sull’arresto di Riina sono l’ennesima aggressione di stampo mafioso che ciò che rimane dello schieramento corleonese lancia sulla verità dei fatti, allo scopo evidente di delegittimare fedeli servitori dello stato e legittimare Riina e lo stragismo mafioso. Sia chiaro a Riina e a Ciancimino che non ci faremo intimidire oggi così come non ci facemmo intimidire a Capaci e a via D’Amelio.

Onore a tutti i combattenti caduti per la mafia!

ultimo